Disturbo Post-Traumatico da Stress

Comprensione del Postpartum PTSD

Il Postpartum Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD) è una condizione che presenta sintomi simili ad altre forme di PTSD. Quando le donne sperimentano traumi reali o percepiti prima, durante o dopo il parto, questo può portare a sintomi cronici e terrificanti. Il trattamento precoce per il PTSD post-partum è altamente efficace nel ripristinare la qualità della vita di una madre e migliorare la sua capacità di legarsi al proprio bambino.

Che cos’è il PTSD post-partum?

Il PTSD post-partum è una condizione di salute mentale che colpisce le donne dopo il parto. La condizione si sviluppa da un’esperienza traumatica che ha avuto luogo prima, durante o poco dopo il parto. Questo incidente traumatico potrebbe essere stato reale o percepito. In entrambi i casi, il risultato è un problema di salute mentale cronico che crea ansia o sintomi simili al panico e fa sì che le sue vittime vivano in un costante stato di paura e pericolo.

Come altre forme di PTSD, le donne con PTSD post-partum spesso soffrono sotto forma di flashback o ricordi che continuano a ricordare loro il trauma vissuto.

Mentre il PTSD post-partum è una condizione separata dalla depressione, le due non si escludono a vicenda. Il PTSD post-partum e la depressione post-partum possono coesistere nello stesso caso, creando ulteriori sfide diagnostiche e di trattamento.

Chi è colpito dal PTSD post-partum?

Il PTSD post-partum è una condizione relativamente sconosciuta, in parte perché il PTSD è spesso associato ai soldati o al personale di emergenza. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che oltre il 30% delle donne soffre di alcuni sintomi di PTSD dopo il parto. Questi studi hanno anche trovato che tra il 3 e il 7 per cento delle donne soffrono di PTSD postpartum completo dopo il parto. Altri studi hanno collocato il tasso di PTSD postpartum completo fino al 9% nelle nuove madri.

Il PTSD postpartum, come molti sottotipi di depressione postpartum, può essere gravemente sottodiagnosticato. Il PTSD post-partum è stato portato all’attenzione come una condizione seria per le donne solo recentemente, e così molte neomamme rimangono senza diagnosi quando si tratta degli effetti residui delle loro esperienze traumatiche.

Cause e fattori di rischio del PTSD post-partum

Il PTSD, in generale, è causato dall’esperienza di uno o più incidenti traumatici che hanno impresso la mente. Nel caso del PTSD post-partum, l’incidente traumatico che scatena questi sintomi coinvolge direttamente la gravidanza, il parto o qualche altro evento relativo al parto.

Alcuni esempi di esperienze traumatiche che possono causare il PTSD post-partum includono:

  • Difficile, lungo e doloroso travaglio di parto
  • L’uso del forcipe o del vuoto sul bambino durante il parto
  • Dovendo subire un partoun parto cesareo d’emergenza
  • Una minaccia per la salute o una crisi per la madre o il bambino durante la gravidanza o il parto
  • Prolasso del cordone ombelicale
  • Il bambino viene messo in un’unità di terapia intensiva neonatale (NICU)
  • La mancanza di sostegno o di comunicazione durante il parto che causa sentimenti di disperazione e di sconforto
  • Qualunque tipo di condizione fisica come l’emorragia post-partum, un’isterectomia, preeclampsia o eclampsia, grave trauma perineale o qualsiasi forma di condizione cardiaca

Questi sono solo alcuni dei potenziali incidenti traumatici e complicazioni che possono verificarsi durante il parto. Ci possono essere anche altri eventi che possono scatenare i sintomi del PTSD post-partum.

Fattori di rischio del PTSD post-partum

Solo perché una donna ha subito un trauma durante la gravidanza o il parto non significa necessariamente che svilupperà il PTSD post-partum. Ci sono altri fattori di rischio che rendono le donne più suscettibili a sviluppare sintomi di PTSD dopo aver subito un evento traumatico del parto.

Ecco alcuni dei potenziali fattori di rischio di PTSD post-partum:

  • Una storia di trauma passato come uno stupro, una violenza sessuale o un incidente
  • Una storia di sintomi PTSD da qualsiasi trauma passato
  • Una storia di ansia o depressione

Se ad una donna vengono ricordate minacce, ansia o qualsiasi altra forma di angoscia, questo può innescare i sintomi PTSD e svilupparsi in quello che è noto come PTSD postpartum. Pertanto, semplici ricordi di traumi possono attivare i sintomi del PTSD post-partum.

Sintomi del PTSD post-partum

Il PTSD post-partum ha una serie distinta di sintomi che lo distinguono dalla depressione post-partum, dall’ansia o da altre condizioni di salute mentale post-partum.

Quelli che seguono sono gli insiemi più comuni di sintomi di PTSD post-partum sperimentati dalle neomamme:

  • Ripetutamente rivivere il trauma in modo intrusivo e incontrollabile
  • Soffrire di flashback, incubi e/o ricordi del trauma
  • Ricordare il trauma attraverso eventi scatenanti
  • Evitare attivamente qualsiasi cosa che possa scatenare il trauma, come persone o luoghi specifici
  • Rimanere costantemente in tensione, ipervigile, o consapevole delle minacce e dei pericoli percepiti
  • Ragire in modo esagerato alle minacce o ai pericoli percepiti (come essere eccessivamente spaventati dai suoni o dal tocco)
  • Sentirsi distaccati o disconnessi dalla realtà e dalle persone
  • Soffrire di ansia e attacchi di panico apparentemente senza motivo
  • Difficoltà a dormire, concentrarsi o ricordare le cose

In generale, le donne con PTSD post-partum completo si sentiranno come se fossero in un costante stato di angoscia, che attiva la modalità “combatti o fuggi” del cervello. Questo causa tutti i sintomi fisici, mentali, emotivi e comportamentali di cui sopra.

I sintomi del PTSD post-partum dovrebbero essere temporanei e sono altamente trattabili. Tuttavia, se non si raggiunge una diagnosi e non si cerca un trattamento, il PTSD post-partum può avere effetti devastanti a lungo termine sulla salute mentale e personale. Le aree più colpite sono le funzioni della vita quotidiana e il mantenimento delle relazioni personali.

Trattamento del PTSD post-partum

I sintomi del PTSD post-partum sono altamente trattabili. Molte donne che ricevono un trattamento per il loro trauma continuano a vivere una vita normale e non sperimentano più ricordi e flashback dell’evento.

È importante che le donne riconoscano i loro sintomi e cerchino un trattamento in modo che possano superare le loro paure, ridurre il livello di angoscia nella loro vita e assicurarsi di legarsi al loro bambino. Il trattamento precoce per il PTSD post-partum impedisce anche che la condizione si manifesti in altri modi distruttivi come disturbi alimentari, dipendenza, comportamento compulsivo o suicidio.

Le opzioni di psicoterapia come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) o la desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari (EMDR) sono forme altamente efficaci di trattamento del PTSD. Queste possono essere condotte da psichiatri, psicologi o altri professionisti della salute mentale.

Se stai sperimentando il PTSD post-partum, è importante cercare il consiglio di un medico o di un professionista della salute mentale non appena noti i segni e i sintomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.