Diabete gestazionale: sintomi e cura

Il diabete gestazionale è una condizione in cui c’è un’alterazione metabolica che può verificarsi durante qualsiasi periodo della gravidanza, ed è possibile proiettare che circa il 10% delle donne incinte nel mondo presentano questa patologia e considerare che questa cifra è in progressivo aumento, secondo il dottor Edwin Schwartstein, diabetologo della Clínica INDISA. Edwin Schwartstein, un diabetologo della Clínica INDISA.

È una malattia in cui il corpo non può produrre o utilizzare l’insulina necessaria al glucosio per entrare nelle cellule ed essere utilizzato come energia, “così il glucosio si accumula nel sangue. Questo si chiama iperglicemia”, dice la nutrizionista della Clinica INDISA Dana Bortnick.

Al momento, non si sa esattamente cosa causa questa condizione. Tuttavia, alcuni dei fattori coinvolti includono il sovrappeso durante la gravidanza, uno stile di vita sedentario e il rinvio della maternità oltre i 35 anni.

I sintomi più comuni del diabete gestazionale

– Sete.
– Polidipsia (maggiore consumo di acqua).
– Poliuria (maggiore minzione).
– Affaticamento.

Tuttavia, il nutrizionista sottolinea che la maggior parte delle donne non ha segni precedenti o sintomi evidenti che richiamino l’attenzione bruscamente, quindi sono necessari costanti controlli medici per individuarlo, dove si prendono in considerazione i fattori di rischio.

Cosa considerare quando si è incinta

Secondo il diabetologo Dr Edwin Schwartstein, le cose principali a cui prestare attenzione quando una donna è incinta e che possono essere fattori predeterminanti sono:

– Sovrappeso e obesità.
– Il numero di nascite precedenti.
– L’età in cui sei incinta.
– Storia familiare di questa condizione.
– Polidramnios e macrosomia in gravidanze precedenti, cioè, neonati che pesano più di quattro chilogrammi.

Anche se alcune di queste condizioni non sono presenti, una donna incinta può ancora avere il diabete gestazionale, quindi controlla sempre con un medico. Una volta che la diagnosi è confermata dallo specialista curante attraverso test specifici, i fattori di rischio per questa condizione dovrebbero essere corretti.

Pericoli del diabete gestazionale

I problemi del diabete gestazionale possono colpire sia il bambino dentro e fuori dal grembo materno, sia la madre, tra cui i seguenti:

– Per la madre: c’è la possibilità di pre-eclampsia o parto chirurgico.

– Per il feto: può verificarsi macrosomia, a causa dell’eccesso di glucosio nel sistema del feto. Questo causa una crescita eccessiva e il rischio di problemi respiratori.

Alcune persone credono che il diabete possa essere trasmesso al bambino, il che è falso. Tuttavia, è possibile che ci sia un trasferimento genetico di predisposizione alla condizione.

Il dottor Schwartstein spiega che i bambini nati da madri con diabete gestazionale sono a maggior rischio di obesità infantile e di diabete di tipo 2 in età adulta, che può portare a problemi di salute a lungo termine.

Trattamento del diabete gestazionale

Il diabete gestazionale è trattato in modo multifocale con dieta ed esercizio. Inoltre, dovrebbe essere monitorato fino a sei mesi dopo il parto, perché questo permetterà un adeguato follow-up di questo disturbo metabolico.

È importante che le madri che hanno avuto il diabete gestazionale siano consapevoli che dopo 20 anni, l’80% di loro sarà esposto alla possibilità di diventare diabetico, quindi è essenziale essere chiari su questa diagnosi nel tempo.

Se la madre è in sovrappeso, è normale raccomandare:

– Non guadagnare più di mezzo chilo al mese di gravidanza: questo può essere raggiunto attraverso un modello alimentare e un’attività fisica guidata da un professionista.

– Solo in alcuni casi specifici si usano farmaci, tra i più comuni, e solo sotto controllo medico, sono gli antidiabetici e l’insulina, che controlla la quantità di zucchero (glucosio) nel sangue.

Consigli nutrizionali per le mamme

Il nutrizionista sottolinea che la cosa principale per la dieta è la selezione degli alimenti, sperando di migliorarne sempre la qualità. Raccomanda anche di includere:

– Cereali integrali: cibi multi-grano o multi-seme.

– Cibi a basso contenuto di grassi: noci nella porzione indicata, pesce, legumi, carni magre, formaggio fresco, yogurt e latticini a basso contenuto di grassi.

– Aumentare il consumo di frutta e verdura fresca.
Inoltre, il nutrizionista consiglia:

– Evitare periodi prolungati di digiuno.

– Pianificare i pasti durante la giornata. Se sai che sarai lontano da casa ad orari prestabiliti per i pasti, porta con te del cibo preparato per evitare le tentazioni e segui lo schema stabilito.

– La raccomandazione, in generale, è di 3 pasti principali e tra 1 e 2 spuntini. Dare la priorità a cibi freschi, a basso contenuto di grassi e di zuccheri.

– Evitare di consumare cibi contenenti zuccheri raffinati, come pasticcini, biscotti e cioccolatini.

– Cercare di non mangiare cibi altamente elaborati, come le salsicce.

Non si raccomanda in alcun modo di iniziare una dieta di fronte al diabete gestazionale, o in caso di sospetto, senza l’aiuto di un professionista, in quanto può causare un deficit di macro e micronutrienti essenziali per lo sviluppo della gravidanza, influenzando direttamente la salute del bambino in sviluppo.

Ecco perché sia per le linee guida dietetiche che per tenere il diabete sotto controllo, dovresti consultare regolarmente il tuo medico.

Riso per le mamme

La nutrizionista Dana Bornick condivide una ricetta per una zuppa di zucca ideale per il freddo di questo inverno e consigliata per le mamme con diabete gestazionale.

La zucca è a basso contenuto di calorie e zuccheri, ha carboidrati minimi, è molto gustosa e ha proprietà antinfiammatorie.

Ingredienti
– 4 tazze di zucca a dadini.
– Mezza tazza di panna scremata o vegetale.
– 2 carote.
– 2 spicchi d’aglio.
– 1 cipolla grande a dadini.
– Sale e pepe a piacere.

Preparazione

Riscaldare il forno a 180º.

Porre la zucca sulla teglia da forno con un cucchiaio di olio d’oliva per 15-20 minuti, fino a raggiungere una consistenza morbida.

In una padella mettere dell’olio d’oliva e soffriggere la cipolla con l’aglio.

Una volta che tutto è pronto, mescolare e lavorare con la panna.

Può essere servito con semi di zucca, semi di sesamo o coriandolo.

Versare la cipolla sulla cipolla e l’aglio. Versare la cipolla sulla cipolla e l’aglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.