Come funzionano le cause

Il patteggiamento fuori dal tribunale è molto meno costoso di un processo. A meno che tu non sappia per certo di avere un caso a prova di bomba, corri il rischio di spendere grandi quantità di denaro e non ottenere nulla in cambio. Nessuna soddisfazione, nessuna restituzione, niente. Il miglior primo passo di ogni potenziale causa è cercare di risolvere il vostro disaccordo fuori dal tribunale. I tribunali sono pienamente d’accordo con questo e in alcuni stati richiedono una sorta di risoluzione delle controversie prima di poter portare un caso in tribunale. Anche se avete un caso a prova di bomba, dovete soppesare i costi di una causa con il potenziale premio che potreste (o non potreste) ottenere dopo un processo.

Ecco alcuni modi in cui potete provare a risolvere la vostra disputa senza coinvolgere avvocati e grandi somme di denaro. Avete tre strade generali da percorrere per evitare l’aula di tribunale.

Avviso

Negoziazione faccia a faccia

Primo, dovreste provare una buona vecchia conversazione faccia a faccia con il vostro avversario. È almeno consapevole del problema? Riconosce la responsabilità? Avete provato a raggiungere un accordo su come rimediare al problema? Potreste essere sorpresi di quanto sia ragionevole la persona. Se raggiungete un accordo, dovreste probabilmente documentarlo e firmarlo con testimoni presenti. Ed è meglio avere un avvocato che lo rediga per assicurarsi di non aver lasciato alcuna scappatoia.

Mediazione

Se avete provato la vostra negoziazione e non avete ottenuto nulla, allora potreste considerare la mediazione. Nella mediazione, voi e il vostro avversario vi riunite con una terza parte neutrale che cerca di aiutarvi a trovare un accordo. Un mediatore non ha voce in capitolo su come si svolge la mediazione, ma fornisce solo consigli sulle vostre opzioni e su come potreste arrivare a un accordo equo. Vi aiuta ad arrivare a una soluzione. In alcuni tribunali, si è tenuti ad andare in mediazione prima di poter portare una causa in tribunale. Non è necessario arrivare a un accordo, ma si deve passare attraverso il processo e provare. Questo requisito è uno sforzo per ridurre il numero di casi che vanno in tribunale. Alcuni contratti firmati possono anche richiedere la mediazione prima di poter intentare una causa in caso di controversia.

Se si arriva a una soluzione in mediazione, è possibile renderla legalmente vincolante scrivendo un accordo di mediazione che ogni parte (e di solito il mediatore) firma. L’accordo specifica la decisione che è stata presa così come le intenzioni per i comportamenti futuri che sia lei che il suo avversario sono tenuti a seguire. Avendo un accordo firmato, è possibile rendere il risultato esecutivo in tribunale.

Le spese di mediazione variano molto. A seconda di dove si vive e di chi è il mediatore, si può pagare un minimo di 50 dollari (o niente) per la mediazione, o si può pagare da 200 a 300 dollari all’ora. Anche la formazione del mediatore varia molto. Alcuni possono essere volontari che hanno un background nel lavoro sociale o campi simili, alcuni possono essere appositamente addestrati per la mediazione in settori specifici come il divorzio, e alcuni sono avvocati che mediano sul lato.

Arbitrato

Un’altra forma di risoluzione delle controversie è l’arbitrato. L’arbitrato è simile alla mediazione in quanto ci si riunisce con il proprio avversario e una terza parte per discutere una soluzione al proprio problema. La differenza è che la terza parte, conosciuta come l’arbitro, prende una decisione legalmente vincolante sul vostro caso. L’arbitrato è più simile al contenzioso in questo senso – si perde il controllo della decisione. La decisione dell’arbitro, chiamata “lodo”, deve seguire la legge. Se l’arbitro non applica le leggi corrette alla decisione, allora un giudice può rovesciarla. Vi è anche permesso di avere un avvocato in un arbitrato. Se sapete che il vostro avversario sta portando un avvocato, dovreste farlo anche voi.

Quindi quando dovreste andare in arbitrato? Poiché l’arbitrato si basa più sulle questioni legali e meno sulle questioni personali del caso, di solito è raccomandato per i casi che coinvolgono piuttosto il denaro, al contrario di un caso su un vicino che continua a bloccare il vostro vialetto. Casi come quello sono meglio risolti in mediazione, se possibile.

L’arbitrato costa più della mediazione, tuttavia è ancora meno che andare in tribunale. Come qualsiasi altra cosa, dipende un po’ da dove vi trovate geograficamente. Un tipico arbitrato di mezza giornata può costare sia a voi che al vostro avversario da 500 a 1.000 dollari ciascuno.

Ci sono diversi tipi di mediazione e arbitrato. Per esempio, è possibile avere un arbitrato non vincolante, il che significa che se una delle parti non piace la decisione, non è vincolante. Si può optare per un arbitrato alto-basso, il che significa che voi e il vostro avversario stabilire limiti superiori e inferiori per il premio monetario. (Per esempio, una compagnia assicurativa suggerirebbe un importo basso e l’individuo con la denuncia suggerirebbe un importo più alto). L’arbitro non viene informato dei limiti. Se la sua decisione è inferiore al numero basso, allora viene usato il numero basso, e se è superiore al numero alto, viene usato il numero alto. Se la decisione rientra nei limiti, allora diventa l’importo effettivo del premio.

Sono possibili anche molte altre varianti. Per ulteriori informazioni, andare su The WWW Virtual Library: Private Dispute Resolution.

Cercare un avvocato

Se né la mediazione né l’arbitrato funzionano per voi, allora si inizia la ricerca di un buon avvocato. La cosa migliore è ottenere raccomandazioni da amici, familiari, soci d’affari, o l’associazione locale degli avvocati. Si dovrebbe parlare con diversi avvocati prima di stabilirsi su qualcuno. Cercate l’esperienza nell’area della vostra controversia e l’esperienza di contenzioso, così come l’interesse per il vostro caso. Se avete bisogno di un avvocato molto aggressivo, poi guardare l’avvocato in aula e ottenere un tatto per il suo stile. È importante anche il modo in cui andate d’accordo con l’avvocato, perché la comunicazione tra voi due è fondamentale. Se non vi sentite a vostro agio con la persona, potreste non essere in grado di comunicare con lui in modo efficace.

Ricordate anche che, nel caso in cui facciate una scelta sbagliata, potete sempre cambiare avvocato. Dovrete comunque pagare eventuali parcelle e rimborsare i costi, e l’avvocato iniziale potrebbe avere diritto a una parte di qualsiasi premio che alla fine guadagnerete.

Per quanto riguarda l’avvocato, non è possibile cambiare l’avvocato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.