5 Veleni più letali conosciuti dall’uomo e i loro effetti

John studia fisica e sa molte cose sulle sostanze mortali.

Impara tutto su cinque dei veleni più pericolosi del mondo e sui loro effetti

Canva

Se hai intenzione di usare le seguenti informazioni per uccidere la tua ex moglie o per far tacere il cane della porta accanto una volta per tutte, usale saggiamente. Il seguente articolo contiene informazioni sulle sostanze più letali conosciute dall’uomo, sia inalate che ingerite.

5 veleni più pericolosi

  1. Tossina botulinica o Botox
  2. Ricina
  3. Anthrax
  4. Sarin
  5. Tetrodotossina

Un veleno è descritto dal dizionario Merriam-Webster come “una sostanza che attraverso la sua azione chimica solitamente uccide, ferisce o danneggia un organismo”- e i seguenti cinque sono i più pericolosi che si trovano sulla terra.

Un veleno è definito solo dal dosaggio. Per esempio, anche bere troppa acqua potrebbe uccidere un uomo (anche se dovrebbe essere circa due piscine). Quindi, qualcosa è ufficialmente definito come un veleno solo quando viene somministrato in una dose che causa danno o morte.

Panoramica dei 5 principali veleni mortali

I sintomi sperimentati dipenderanno dal metodo di consumo. Alcune stime di dosaggio letale sono basate su studi sugli animali.

Veleni Tipo di veleno Dose letale Effetti

Tossina botulinica o Botox

Proteina neurotossica prodotta da batteri

~3000 U per un 70-kg (valori basati su studi su animali)

Visione offuscata, difficoltà di respirazione e deglutizione, debolezza muscolare

Ricina

Proteina legante i carboidrati; tossina

2-30 semi di piante di ricino (ingeriti); 5-10 microgrammi per chilogrammo (inalato o iniettato)

Nausea, vomito, dolore addominale, disidratazione, tosse, edema polmonare, insufficienza respiratoria

Anthrax

Infezione causata da batteri

8.000-50.000 spore (inalate); <10 spore (esposizione cutanea)

Febbre, vertigini, tosse, mal di testa, dolori al corpo, svenimenti, vampate di calore, gonfiore (per antrace cutaneo e iniettato)

Sarin

Composto sintetico; agente nervino

>0.01 milligrammi per chilogrammo; il tasso di mortalità dipende dalla concentrazione della dose

Naso irritato, visione offuscata, tosse, sonnolenza, mal di testa, vomito, convulsioni, insufficienza respiratoria, paralisi

Tetrodotossina

Neurotossina

2-3 milligrammi

Nebolimento di labbra e lingua, mal di testa, vomito, vertigini, convulsioni, arresto respiratorio, paralisi

Tossina botulinica o Botox

Tipo di veleno: Proteina neurotossica

Forme: Proteina sviluppata da batteri

Metodi di esposizione: Iniezione, ingestione di cibo contaminato, infezione di ferite

La tossina botulinica è una proteina prodotta da un batterio chiamato Clostridium botulinum e altre specie correlate. Da dove vengono fuori questi nomi? Comunque, questo batterio produce la tossina botulinica, che è una neurotossina, cioè la tossina inibisce il controllo dei neuroni nel corpo.

Le tossine prodotte dal batterio sono alcune delle più potenti neurotossine conosciute dall’uomo; tuttavia, potresti averne sentito parlare come “botox”. Ma ora vi state chiedendo: “perché quelle iniezioni che mia suocera si è fatta qualche mese fa non l’hanno uccisa, allora?”. Bene, i medici che eseguono l’intervento di botox sono altamente qualificati (se ne scegli uno giusto) che conoscono la giusta quantità di tossina botulinica da iniettare nel paziente.

Quello che le tossine fanno è attaccare i neurotrasmettitori responsabili dell’attivazione delle contrazioni muscolari in modo che i muscoli non possano essere rilasciati. Questo elimina le rughe nel viso delle persone in una certa misura; tuttavia, non è permanente e ha bisogno di un rabbocco ogni pochi mesi.

Che cosa provoca il botulismo?

Ci sono diverse cause di botulismo: botulismo alimentare, botulismo nelle ferite e botulismo infantile. Il botulismo di origine alimentare è più comunemente causato dal consumo di cibi impropriamente inscatolati che contengono la tossina. Nel botulismo da ferita, la tossina entra nel corpo attraverso una ferita aperta. Nel botulismo infantile, i batteri sono di solito consumati dal bambino, che poi produce la tossina.

Il batterio di solito cresce su prodotti di carne impropriamente trattati o preparati, e il consumo può portare alla paralisi, che nei casi peggiori può portare alla morte. In casi meno gravi, l’ingestione delle tossine causa una paralisi muscolare minore e temporanea.

Sintomi dell’esposizione alla tossina botulinica

  • Paralisi
  • Difficoltà a deglutire e bocca secca
  • Nausea e vomito
  • Fatica a respirare
  • Indebolimento del viso
  • Visione offuscata

Altri usi della tossina botulinica

Sì, la tossina botulinica ha anche usi medici. Grazie ai suoi effetti di paralisi, è usata come trattamento per una serie di disturbi che provocano spasmi muscolari e anche per la vescica iperattiva refrattaria. È anche usato per prevenire la sudorazione eccessiva e l’emicrania cronica oltre ai suoi usi in chirurgia estetica.

Fagioli di ricino della pianta Ricinus communis

Wikimedia Commons

Ricina

Tipo di veleno: Proteina naturale

Forme: Polvere, pellet, nebbia; può essere dissolta in acqua o acido debole

Metodi di esposizione: Ingestione di semi di ricino; esposizione attraverso cibo, aria o acqua; iniezione sottocutanea di pellet

La ricina è una proteina altamente tossica che si trova naturalmente nella pianta del ricino, Ricinus communis. La ricina è velenosa per gli esseri umani se inalata, iniettata o ingerita, e una dose delle dimensioni di pochi grani di sale da cucina può uccidere un umano adulto. Accidenti! È indubbiamente molto pericolosa, eppure viene coltivata piuttosto comunemente nei giardini della Gran Bretagna.

La ricina impedisce alle cellule di combinare gli aminoacidi che riceve dai ribosomi della cellula, per creare le proteine. Questo è essenziale per tutte le cellule viventi, quindi senza di esso, le conseguenze non sono troppo favolose. I sintomi causati dalla mancanza di proteine dopo aver ricevuto una dose di ricina possono essere diarrea grave, e alcune vittime possono morire di shock. I sintomi possono richiedere ore o anche giorni per apparire; tuttavia, la morte di solito si verifica dopo circa 3-5 giorni di esposizione.

Sintomi dell’esposizione alla ricina

  • Distress respiratorio
  • Febbre
  • Tosse
  • Nausea
  • Sudorazione eccessiva
  • Edema polmonare
  • Vomito
  • Diarrea
  • Sequestri

Come si produce la ricina?

La ricina stessa proviene dall’interno dei semi di ricino, prodotti dalla pianta. L’ingestione di 5-20 di questi può risultare fatale per un adulto. La ricina può anche essere fatta dai rifiuti lasciati dalla produzione di olio di ricino.

Ricina spedita a funzionari del governo degli Stati Uniti

Nel 2013, le buste che sono risultate positive alla ricina e sono state indirizzate a diversi funzionari del governo degli Stati Uniti. Nel 2018, la ricina è stata scoperta in buste indirizzate a diversi funzionari governativi statunitensi di alto profilo, tra cui il presidente Donald Trump.

Anthrax

Tipo di veleno: Patogeno umano e animale; batterio

Forma: Spore

Metodi di esposizione: Cutaneo, inalazione, iniezione, consumo orale

Da non confondere con la band thrash metal di New York, l’antrace è una malattia infettiva causata da un batterio chiamato Bacillus anthracis. Il batterio può produrre spore che sono in grado di sopravvivere in condizioni estreme, anche in luoghi come l’Antartide. (C’è stato anche un caso in cui tombe di animali disturbate hanno causato una reinfezione dopo 70 anni che l’animale era morto.)

Sintomi dell’esposizione all’antrace

Quando queste spore vengono inalate, ingerite o toccate da un taglio nella pelle, si riattivano e si moltiplicano rapidamente nell’ospite. I sintomi dell’avvelenamento da antrace iniziano con un’ulcera indolore sull’area di entrata; tuttavia, questa inizia a peggiorare molto. Le ghiandole linfatiche intorno all’ulcera iniziano a gonfiarsi e l’ulcera cresce con una caratteristica area nera morente al centro. I malati possono anche sperimentare vomito di sangue, perdita di appetito e infiammazione del tratto intestinale. Anche la gola e la bocca possono sviluppare lesioni che causano grandi quantità di dolore. Altri sintomi includono:

  • Febbre
  • Calori
  • Vomito
  • Capogiri
  • Mal di testa
  • Dolori al corpo
  • Svenimento
  • Vampate di calore
  • Ascessi (da iniezione)

Trattamento dell’antrace e vaccino

Se non trattato, l’antrace porta alla morte. Tuttavia, fortunatamente esiste un vaccino, creato nel 1881 da Louis Pasteur, uno scienziato francese, e questo è stato ulteriormente migliorato dagli scienziati di oggi.

Il trattamento antibiotico è efficace se viene somministrato nelle prime fasi dell’esposizione al carbonchio.

Il carbonchio come arma biologica

Ci sono prove che suggeriscono che l’esercito tedesco ha usato il carbonchio nella prima guerra mondiale per infettare il bestiame fornito alle Nazioni Alleate da stati neutrali. Nei decenni successivi, il Giappone, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sperimentarono l’antrace come arma biologica; sebbene un trattato del dopoguerra ne impedisse l’uso nella guerra biologica, non metteva fuori legge la “ricerca”. Negli anni ’50, gli Stati Uniti hanno ampliato il loro programma di armi biologiche, ma negli anni ’60, la crescente preoccupazione internazionale circa l’accumulo di armi biologiche ha portato a un trattato del 1970 che ha portato alla distruzione della maggior parte delle armi biologiche degli Stati Uniti, tra cui l’antrace.

Dopo l’11 settembre 2001, attacchi terroristici negli Stati Uniti, buste contenenti spore di antrace furono inviate alle agenzie di stampa e agli uffici di due senatori degli Stati Uniti, causando un totale di cinque morti.

Un’arma chimica Sarin

FAS

Sarin

Tipo di veleno: Composto sintetico

Forma: Liquido; chiaro, inodore, incolore, insapore

Metodi di esposizione: Inalazione, assorbimento, contatto con gli occhi, attraverso cibo o bevande

Sarin è un composto sintetico che si trova come un liquido chiaro, inodore. È un agente nervino estremamente potente, stimato a 500 volte più tossico del cianuro, ed è stato usato nella guerra chimica, un esempio famoso è l’attacco con gas sarin nella metropolitana di Tokyo.

Come posso essere esposto al Sarin?

I due modi principali per essere colpiti dal sarin sono l’inalazione e l’assorbimento attraverso la pelle. Anche a concentrazioni molto basse, il sarin può essere fatale, e anche le persone che ricevono una dose non letale e che non vengono trattate possono subire danni neurologici permanenti.

Sintomi dell’esposizione al Sarin

  • Naso irritato
  • Dolore agli occhi
  • Visione offuscata
  • Sbavatura
  • Tosse
  • Diarrea
  • Nausea e vomito
  • Mal di testa
  • Convulsioni
  • Paralisi

Inutile dirlo, il sarin non suona particolarmente piacevole, e quel che è peggio è che qualsiasi indumento che entra in contatto con il vapore del sarin può mantenere quel vapore fino a 30 minuti, il che significa che molte altre persone possono inalarlo.

Il sarin come agente di guerra chimica

Il sarin fu prodotto per la prima volta in Germania da scienziati che cercavano di creare un pesticida più forte; si ritiene che fino a 10 tonnellate siano state prodotte nella Germania nazista. Negli anni ’50, la NATO adottò il sarin come arma chimica standard; tuttavia, dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi chimiche del 1993, più di 15.000 tonnellate di sarin sono state distrutte.

Il sarin è stato usato in attacchi chimici in Giappone e in Medio Oriente, uccidendo almeno 350 persone e fino a più di 1.700.

Tutti gli agenti nervini causano i loro effetti tossici impedendo il corretto funzionamento di un enzima che agisce come “interruttore” del corpo per le ghiandole e i muscoli. Senza un “interruttore di spegnimento”, le ghiandole e i muscoli sono costantemente stimolati. Le persone esposte possono diventare stanche e non essere più in grado di continuare a respirare. Il Sarin è il più volatile degli agenti nervini. Questo significa che può facilmente e rapidamente evaporare da liquido a vapore e diffondersi nell’ambiente.

– Centers for Disease Control and Prevention

Pufferfish

Brian Yurasits

Tetrodotoxin

Tipo di veleno: Neurotossina

Forme: Incolore, solido cristallino

Metodi di esposizione: Ingestione di pesce o altro cibo contenente la neurotossina

Le cose a cui ci sottoponiamo per il buon cibo – beh, questo è se si considerano gli organi di un pesce palla come buon cibo. La tetrodotossina o TTX è una potente neurotossina alla quale non esiste un antidoto conosciuto. Si trova comunemente nel pesce palla, ma si trova anche in alcuni tipi di tritoni, rospi, polpi, stelle marine, pesci angelo e vermi piatti. È usata negli animali come biotossina per avvertire i predatori e tenerli lontani, o come veleno in alcuni polpi.

È estremamente tossica e può entrare nel corpo umano con quasi tutti i mezzi – ingestione, inalazione o attraverso tagli nella pelle. Ciò che la tossina fa è bloccare i canali del sodio nel corpo che sono necessari per la trasmissione dei segnali tra il corpo e il cervello. Pertanto, i sintomi del veleno della tetrodotossina sono la paralisi dei muscoli, la perdita di sensazioni e la perdita del ritmo cardiaco regolare – il che significa che, nella maggior parte dei casi, circa sei ore dopo il consumo, si verificherà la morte. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che i sintomi possono richiedere fino a 20 ore per apparire.

Sintomi di avvelenamento da tetradotossina

  • Nebolimento e parestesia di bocca e labbra
  • Mal di testa
  • Intorpidimento del viso
  • Salivazione
  • Nausea e vomito
  • Diarrea
  • Paralisi
  • Bassa pressione sanguigna
  • Seizures
  • Coma

Il pesce palla contenente la brutta tossina è una prelibatezza in Giappone, e la tossina non viene rimossa dagli organi dopo la cottura. Incredibilmente, la gente mette ancora il collo in gioco per provare il pesce. Fino a cinque giapponesi muoiono in media ogni anno per aver mangiato organi di pesce palla mal preparati.

Quali sono altre sostanze mortali?

Monossido di carbonio

Batrachotossina (BTX)

Cloro trifluoruro

Asbesto

VX

Maitotossina

Brodifacoum

Fluoro

Cianuro

Polonio

Arsenico

Belladonna o belladonna mortale

Bene, ecco a voi! I cinque veleni più letali conosciuti dall’uomo. Spero che questo non vi abbia preoccupato troppo; ci sono antidoti per molti di loro, e alcuni in sviluppo per quelli che non ne hanno ancora uno. È incredibile pensare che cose semplici come le piante possano produrre veleni così potenti che potrebbero facilmente ucciderci. Questo dimostra che l’uomo non è invincibile.

Lavori citati

  • Centers for Disease Control and Prevention. (n.d.) Una storia dell’antrace. Retrieved on October 16, 2019.
  • Duthie, J. B., Vincent, M., Herbison, G. P., Wilson, D. I., & Wilson, D. (2011). Iniezioni di tossina botulinica per adulti con sindrome della vescica iperattiva. Wellington, NZ: Cochrane Database. Retrieved on October 16, 2019.
  • Gains, M., Williams, P., Silva, D., & Kube, C. (2018, October 3). Sospetta Ricina inviata al Pentagono, lettere sospette all’ufficio di Trump, Ted Cruz. NBC News. Recuperato il 16 ottobre 2019.
  • Mayo Clinic. (2018, 3 luglio). Botulismo. Retrieved on October 16, 2019.
  • Medscape. (2018, 5 luglio). Presentazione clinica della tossicità da tetrodotossina: Storia, fisica, cause. Recuperato il 16 ottobre 2019.
  • Minnesota Department of Health. (Creato nel 2006, rivisto nel 2019). Fatti sul carbonchio (scheda informativa). Retrieved on October 16, 2019.
  • Smith, M. E., Hayoun, M. A., & Gossman, W. (2019). Tossicità della ricina. Treasure Island, FL: StatPearls Publishing. Retrieved on October 16, 2019.
  • United States Department of Labor, Occupational Safety and Health Administration. (n.d.). Antrace: Informazioni mediche. Retrieved on October 16, 2019.

Questo contenuto è accurato e vero al meglio delle conoscenze dell’autore e non è inteso a sostituire la consulenza formale e individualizzata di un professionista qualificato.

Kevin Onyango on February 25, 2019:

cool

Gamer on January 24, 2019:

Wow. Molto divertente e fresco

Abdi hashi on gennaio 07, 2019:

sì mi piace anche io

sadab saman on settembre 10, 2017:

che è così cool

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.